Siamo in Finale ai World Games!

0
556
Quello che, nella notte, la Nazionale Italiana maschile di flag football ha regalato all’Italia è un vero e proprio sogno: la finale dei World Games! Battuto il Messico 41 a 29, grazie ad una prestazione mostruosa sia in attacco che in difesa, con Luke Zahradka chirurgico nel trovare le mani dei suoi ricevitori e un attacco letale sulla goal line, e la difesa capace di alzare il muro quando è stato necessario, annichilendo una delle superpotenze mondiali di questo sport, battuta due volte consecutive in questa competizione dopo che, lo scorso dicembre, ai Mondiali in Israele ci aveva eliminati in semifinale.
La serata magica del Flag italiano è iniziata subito con l’Italia in attacco e a segno con Mark Simone e Jared Gerbino alla trasformazione. Il raddoppio, sempre ad opera e cura di Mark Simone arriva 9 minuti dopo ed è solo sul finire del primo tempo che il Messico riesce ad accorciare le distanze con Bruno Espinoza. A 12 secondi dall’half time, però, Mark Simone colpisce per la terza volta la difesa sudamericana, Gerbino completa l’opera e le squadre vanno al riposo sul 21 a 7 per gli Azzurri.
Si riparte nel terzo quarto con il Messico in attacco e a segno con Jorge Olivera, senza però riuscire a capitalizzare la trasformazione dalle 5 yard. Bastano tre minuti all’Italia per ristabilire le distanze, con Zahradka che trova Gianluca Santagostino, e Tamsir Seck che non sbaglia il punto addizionale: 28 a 13. Adesso le squadre combattono punto a punto, con il Messico a segno con Carlo Olvera e l’Italia che risponde con Tamsir Seck, ancora i messicani in touchdown con Olivera e di nuovo Tamsir Seck (con Santagostino alla trasformazione) a chiudere in trionfo la partita sul 41 a 29.
Questa notte, alle 2:10, finalmente in diretta streaming su Olympic Channel, dopo la delusione di ieri sera e la totale mancanza di comunicazione da parte del broadcaster americano, la finalissima contro gli Stati Uniti, i “maestri” di questo sport ma, dopo questa notte, forse non più così distanti da noi. Dopo anni di vertice, la Nazionale Italiana maschile, imbattuta come gli USA nel torneo più importante mai giocato di questo sport, ha la possibilità concreta di scrivere la storia. Lo farà da ‘underdog’ e da prima e unica squadra europea capace di arrivare sin qui.
Sul fronte femminile, è arrivata purtroppo la quarta sconfitta per le nostre ragazze, comunque autrici di un’altra ottima prova difensiva contro il Giappone, tenuto a secco per gran parte del primo tempo, ma con diverse difficoltà nella fase offensiva, come dimostra il 19 a 0 con il quale si è chiuso l’incontro. Le ragazze di coach Passera, dunque, chiudono al sesto posto la loro avventura ai World Games, risalendo due posizioni nel ranking mondiale che regala una nuova consapevolezza all’intero movimento femminile italiano. C’è da lavorare ancora molto per riuscire a competere alla pari con Paesi dalla storia e dalla tradizione sportiva molto superiori alla nostra, ma dopo la qualifica ottenuta con le unghie e con i denti in Israele, questo sesto posto (che in Europa vuol dire essere dietro solo all’Austria) deve servire da stimolo per far crescere il flag femminile lungo tutto lo Stivale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui